Venerdì mattina in Ufficio

luglio 10, 2011 2 commenti

Venerdì mattina ci siamo trovati questi cartelli appesi in ufficio: il luogo esatto dell’ufficio in cui erano stati appesi è ovviamente da indovinare.

Il Segretario del Presidente

luglio 2, 2011 Commenti disabilitati

Guardate un po’ al minuto 2:08 di questo video: il Segretario del Presidente…

 

Succede a Bucarest

giugno 23, 2011 1 commento

A Bucarest fa caldo, in casa senza aria condizionata ci si squaglia già alle sette del mattino. L’estate è ormai arrivata prepotente sul cemento dei viali cittadini, e si trova rifugio solo nel verde dei parchi o nella pioggia che precisa arriva nel fine settimana. Non riesco a scrivere con costanza sul blog, ma non è il caldo. Ci sono alcune perle di attualità che però non voglio far passare invano, ed eccomi qui dunque a scriverne in questa mattina di città. Oggi vi narro di quella volta in cui una coppia di amici dovette chiamare la polizia perché durante la notte dei ladri avevano rapinato la loro azienda (al pian terreno di un condominio). Risultato? Ovviamente nessuno pensava di poter mai recuperare il maltolto, ma sentirsi dire dalla polizia che rischiavano di dover pagare una multa di seimila Ron, circa millecinquecento euri, per non aver installato un sistema d’allarme in ufficio, qualche dubbio su come giri il mondo te lo fa venire. Ma poi Rino Gaetano cantava ad esempio a me piace il sud

Mia nonna una volta era cinese

aprile 28, 2011 3 commenti

Il sud est asiatico significa che prima o poi il contatto con la Cina inizia a diventare evidente. E non sto parlando di simpatiche e distinte signore che in albergo ti avvisano di aver terminato la colazione con rutti memorabili. E nemmeno del fatto che i turisti cinesi si riconoscano dai decibel.

Ho scoperto ieri che l’espressione usata in cinese mandarino per chiedere ‘come stai?’, se tradotta letteralmente sarebbe ‘hai mangiato?’. Questo, oltre a essere prova di come il cibo, e tutto quello che ruota attorno a esso, siano un perno della societ’ cinese, prova anche in maniera intrinseca che la mia nonna deve essere stata cinese in una qualche vita passata. No, non sto dicendo che la mia nonna rutti a fine pasto, e nemmeno che urli invece di parlare (anche se con l’eta’ devo dire che il tono di voce si e’ alzato). Il punto e’ che sin da quando ero ragazzino, me la ricordo sempre a chiedere ‘hai mangiato?’, ‘hai fame?’, ‘e mangia bello della nonna’, ‘vuoi un altro po’? (questo al terzo piatto di pasta).

Sono giunto alla conclusione che tutte queste domande siano prova intrinseca del fatto che la mia nonna debba avere qualcosa a che fare con la Cina. Lei e’ una persona molto educata, che non solo chiede sempre come sto, ma mi chiede anche se ho mangiato. Prova dunque di una commistione culturale interessante.

E le vostre nonne? Anche loro ossessionate dal cibo, e dal timore che i loro nipoti all’estero non mangino il giusto solo perche’ non e’ possibile rifilargli chili di grana padano, prosciutto crudo, conserva fatta in casa, pasta voiello e pomodorini secchi sott’olio?

Singlish

aprile 26, 2011 Commenti disabilitati

Chi ci prende con il legame fra il titolo del post e la foto, vince un anno di aggiornamenti gratuiti al mio blog 🙂

Singapore

aprile 23, 2011 4 commenti

Lo so che ultimamente non ho aggiornato il blog con assiduita’ ma scrivere e’ una cosa che non si puo’ forzare, anche quando si tratta di stupidagini, o della piu’ semplice quotidianita’.

Sono in viaggio in questo momento: posti nuovi, volti nuovi, caldo, odori diversi, cibo diverso e tanti altri dettagli che per circa un mese modificheranno la mia quotidianita’. Premetto che non sono in vacanza, ma che si tratta di lavoro, per tutti quelli che in mala fede staranno gia’ pensando “ma guarda un po’ che fortunello, un mese in giro per l’Asia”.

Iniziero’ dunque da Singapore, prima tappa del viaggio. Nella speranza di non demordere prima della fine, spero di riuscire ad aggiornare il blog per la gioia di mamma e babbo, e del gatto del vicino, assiduo lettore di questo blog.

Dicevamo dunque Singapore, citta’-stato dove la detenzione di droghe e’ punita con la decapitazione. E non si scherza, a partire dal formulario per l’immigrazione che si compila in aereo: aprendolo, si legge a lettere rosse in stampatello grande: la detenzione di droghe e’ punita con la decapitazione. Sul momento non ci faccio caso, ma il fatto che l’aereo su cui sto volando sia partito da Amsterdam mi fa sorridere.

Parlando di aereoporti, Changi fa sembrare Schipol un luogo scomodo per reietti; al suo interno giardini botannici, uno zoo di farfalle e lo scivolo piu’ alto del mondo.

E fuori dall’aereoporto eccoci nel sud est asiatico, in quell ultima lingua di terra che nei secoli scorsi francesi, cinesi, inglesi e giapponesi si sono contesi a lungo. Ci sono circa 25 gradi in piu’ di quanti ne avevamo a Bucarest, la gente guida dal lato opposto della strada e tutto pare cosi’ straordinariamente in ordine, con uno strano odore di detergente in ogni dove. L’aria condizionata e’ d’obbligo e i centri commerciali sono i templi di questa citta’. Per strada le persone sono estensioni bio-meccaniche di prodotti Apple, con piccoli cavi bianchi che dalle orecchie scendono lungo il collo. Vieni a Singapore e capisci che non c’e’ storia nella guerra dei tablet: ci sono tanti Apple Store quanti McDonalds (questa e’ una mia personale esagerazione, ma ogni tanto ci vuole).

Vorrei parlare anche dei grattaceli, del Marina Bay e della vista che si ha da li’ sopra (vedi foto), di Little India e dell’acqua calda da bere, ma mi hanno insegnato che i post troppo lunghi poi annoiano. Mi fermo qui dunque, prima puntata di questo viaggio in Asia: non piu’ solo Piata Unirii, ma tante altre piazze, viali e citta’. E se qualcuno ha qualche consiglio o raccomandazione su Singapore, please share!

Ieri, Oggi e Domani

aprile 4, 2011 Commenti disabilitati

Ieri

Oggi

Domani