Home > integrazione, Sociale > “Piacere, sono Luigi” ovvero Occident di Cristian Mungiu

“Piacere, sono Luigi” ovvero Occident di Cristian Mungiu

marzo 15, 2010

“Piacere, sono Luigi”, con queste parole comincia la parte italiana di Occident. Questo film in tre episodi è la prima opera del regista Cristian Mungiu ad aver varcato i confini nazionali rumeni, con la partecipazione a Cannes nel 2002.

Luigi è uno dei personaggi del secondo episodio, quello dove Mihaela è costretta dalla madre ad una serie di appuntamenti al buio per trovare marito. In un misto di ironia tutta balcanica, e realismo dai sogni infranti, la madre di Mihaela augura a sua figlia un futuro con un uomo benestante, dove lei possa stare a casa ad occuparsi delle faccende domestiche e dei bambini, dove sia l’uomo a lavorare, e dove la coppia possa permettersi spesso di andare a mangiare da McDonald’s.

Ed è proprio da McDonald’s che Mihaela incontra alcuni dei suoi potenziali futuri partner. Tutti rigorosamente stranieri, come concordato dalla madre con l’agenzia matrimoniale.

E dopo aver incontrato uno spagnolo dallo sguardo assassino, un francese brizzolato e occhialuto e un olandese bavoso, è il turno dell’italiano Luigi. Luigi è giovane, di Milano, con i capelli e benestante, ma Mihaela non lo ha ancora visto. Per la sua venuta l’intera famiglia si mobilita. Niente McDonald’s, in questo caso sarà la mamma di Mihaela a cucinare pasta e pizza. La casa viene rimessa a nuovo e tutti si preparano per l’arrivo dell’italiano che avrebbe sposato Mihaela.

Il grande giorno arriva, suonano alla porta, il padre di Mihaela va ad aprire e…Luigi è di colore…nato in Mozambico e cresciuto in Italia, dove ora dirige una piccola casa editrice a Milano. Questo blog tralascia il seguito del film, per non rovinarne la visione a chi non lo avesse ancora visto, e si sofferma su un altra questione.

Piacere, sono Luigi

In un paese come la Romania, dove la visione dell’occidente è ancora un concetto avvolto dalla nebbia (come altre scene del film), troviamo curioso e interessante che l’occidente multietnico sia rappresentato da un italiano, e non da un inglese o da un francese, paesi dove l’integrazione è maggiore. Chissà cosa può aver pensato guardando il film, una persona rumena che l’occidente non lo ha mai visto dal vivo. Quale idea si sarà fatta di Luigi e dell’Italia. Purtroppo con questi pensieri per la mente, riatterriamo bruscamente nella realtà italiana fatta di razzismo, attacchi agli stranieri che lavorano in Italia, insulti a Balotelli e neo-fascismo. Quanto tempo ci vorrà ancora prima che Luigi possa veramente gestire una piccola casa editrice a Milano…

Annunci
  1. el Bigote
    marzo 16, 2010 alle 8:40 pm

    http://www.el-ghibli.provincia.bologna.it/chisiamo/khouma.html
    Per ora si tratta solo di una rivista on-line e non di una casa editrice. Però quella di Pap Khouma è senz’altro una storia interessante, che ci fa capire quanto sia difficile, anche se non impossibile, veder riconosciuto il proprio talento per una persona di colore.

    • marzo 17, 2010 alle 9:23 pm

      Ho dato un’occhiata al link, mi sembra proprio un’iniziativa interessante. Da seguire!

  1. novembre 21, 2010 alle 5:58 pm
I commenti sono chiusi.