Archive

Posts Tagged ‘passato’

Ieri, Oggi e Domani

aprile 4, 2011 Commenti disabilitati

Ieri

Oggi

Domani

Addio Enzo Bearzot

dicembre 22, 2010 Commenti disabilitati

Ieri è morto Enzo Bearzot, l’allenatore dell’Italia campione del mondo di Spagna 82. Io non ricordo molto di Enzo Bearzot, tantomeno ricordo nulla di quel mondiale. L’anagrafe non gioca a mio favore per quel mondiale.
Certo le immagini dell’aereo che torna dalla Spagna con Bearzot che gioca a briscola con Causio, Zoff e Pertini, lo stesso presidente con la sua pipa da mondiale, Spillo Altobelli, l’urlo di gioia di Tardelli e il gol decisivo di Pablito Rossi contro il Brasile sono scene viste in tivù centinaia di volte. Ricordo ancora che crescendo, negli anni successivi al mondiale, la mia prima maglietta da calcio fu proprio la maglietta della nazionale italiana dell’82 con su scritto il numero 16 di Bruno Conti, non me la ricordo molto bene quella maglietta, ma mi ricordo che “pungeva” sulla pelle.
Tornando al Mondiale ormai divenuto parte della nostra tradizione, il gol decisivo di Rossi contro il Brasile rimane uno degli episodi della mia infanzia di cui la mia mamma mi ha parlato per anni: io piccolo e innocente stavo nel passeggino ignaro di quanto stesse accadendo quando l’esultanza improvvisa del mio babbo, le sue grida di gioia al gol di Pablito innescarono nel sottoscritto -all’epoca un bamboccio di poco più di sei mesi – un pianto ininterrotto e isterico.
Ecco, posso dire di aver pianto per l’Italia di Bearzot.

…Addio Vecio…

 

Enzo Bearzot

La foto di Enzo Bearzot è stata presa da qui

Ritorno al futuro in alta definizione

novembre 15, 2010 Commenti disabilitati

A volte la mia vita a Bucarest pare una versione personale di Ritorno al Futuro, un film vissuto da protagonista e senza spettatori.

Sarà quella vecchia Dacia familiare color rosso papavero perennemente parcheggiata all’angolo sotto casa, senza più copertoni, fanali e sedili all’interno, morsa dalla ruggine e dimenticata dai cani randagi. O sarà forse per quei venti e più gradi che si sono oramai impossessati della città nel Novembre ormai più caldo della mia vita. O forse sarà perchè ci sono momenti in cui l’alta definizione tecnologica di Bucarest non mi fà affatto rimpiangere l’Italia.

Scegliete voi, io vado a cercare Martin…

VADO VIA/RESTO QUI

novembre 10, 2010 5 commenti

Perche’ forse un po’ parlavano anche a me in questo dialogo:

Fabio – Vado via perché non se ne può più

Roberto – Vado via perché non mi sento un eroe

Fabio – Vado via perché preferisco i paesi dove ci si può annoiare

Roberto – Resto qui perché non ho proprietà ad Antigua

Fabio – Resto qui perché non voglio andare a Antigua

Roberto – Vado via perché voglio dimenticare tutto quello che ho visto

Fabio – Resto qui perché voglio sentire le canzoni in italiano

Roberto – Resto qui per scoprire chi è stato

Fabio -Vado via perché mi sa che va via anche Cassano

Roberto – Vado via perché non voglio più chiedermi cosa c’è sotto

Fabio – Vado via perché questo è il paese che ha inventato il “me ne frego”

Roberto – Resto qui per vedere lo Stato conquistare il Sud

Fabio – Resto qui per vedere il tricolore conquistare il Nord

Roberto – Vado via per sentirmi normale

Fabio – Vado via perché non voglio vivere dove comandano le mafie

Roberto – Resto qui perché non voglio che le mafie continuino a comandare

Fabio – Vado via perché non sopporto le feste patronali

Roberto – Vado via perché qui si applaude ai funerali

Fabio – Resto qui perché questa sera ho ascoltato Roberto Benigni

Roberto – Resto qui perché questa sera perchè mi hanno fatto un regalo Roberto Benigni e Claudio Abbado

Fabio – Resto qui perché mi hanno fatto un regalo bellissimo Angela Finocchiaro , Nichi Vendola, Daniele Silvestri e poi perchè voglio ammazzarmi di carboidrati

Roberto – Vado via perché preferisco mangiare peggio ma vivere meglio

Fabio – Vado via perché il cinquantennale di Piazza Fontana non lo potrei sopportare

Roberto – Resto qui perché a dicembre ci sono le arance buone

Fabio – Vado via perché può bastare

Roberto – Vado via perché mi è già bastato

Fabio – Vado via perché a Milano cacciano i bambini Rom

Roberto – Vado via perché dev’essere bellissimo tornare qui da turista

Fabio – Vado via perché non voglio veder crollare altri pezzi di Pompei

Roberto – Resto qui finché Mina non torna in tivù

Fabio – Resto qui perché due figli non li sposti facilmente

Roberto – Resto qui perché sono italiano

Fabio – Vado via perché dobbiamo sgomberare il palco per il finale

C’era una volta…

agosto 11, 2010 Commenti disabilitati

Divenuto Viale dei Giovani (Bdul Tineretului) dagli anni 90

Con quell’aria un po’ così, quel fascino retrò delle cose che non fanno più paura, che non evocano più cattivi ricordi, oggi la vista di questa indicazione stradale dimenticata fa quasi sorridere. Il tempo dei giovani pionieri è terminato.

Floppy Disk

maggio 31, 2010 Commenti disabilitati

Oggi mentre rimettevo in ordine la scrivania ho trovato un floppy disk, beh, si insomma, era per dire, lo so che non frega a nessuno. Però dico, un floppy disk…uno di quelli da 3 e 1/2

E’ stato come tornare bambino per un momento, mi è anche scappato un sorriso 🙂

Spiegare la resistenza

aprile 25, 2010 1 commento

Perchè poi solo girando per la blogosfera, si trovano persone che forse hanno idee simili alle tue, e che credono sia importante scrivere un post per il 25 Aprile.