Archivio

Posts Tagged ‘Viaggio’

Mia nonna una volta era cinese

aprile 28, 2011 3 commenti

Il sud est asiatico significa che prima o poi il contatto con la Cina inizia a diventare evidente. E non sto parlando di simpatiche e distinte signore che in albergo ti avvisano di aver terminato la colazione con rutti memorabili. E nemmeno del fatto che i turisti cinesi si riconoscano dai decibel.

Ho scoperto ieri che l’espressione usata in cinese mandarino per chiedere ‘come stai?’, se tradotta letteralmente sarebbe ‘hai mangiato?’. Questo, oltre a essere prova di come il cibo, e tutto quello che ruota attorno a esso, siano un perno della societ’ cinese, prova anche in maniera intrinseca che la mia nonna deve essere stata cinese in una qualche vita passata. No, non sto dicendo che la mia nonna rutti a fine pasto, e nemmeno che urli invece di parlare (anche se con l’eta’ devo dire che il tono di voce si e’ alzato). Il punto e’ che sin da quando ero ragazzino, me la ricordo sempre a chiedere ‘hai mangiato?’, ‘hai fame?’, ‘e mangia bello della nonna’, ‘vuoi un altro po’? (questo al terzo piatto di pasta).

Sono giunto alla conclusione che tutte queste domande siano prova intrinseca del fatto che la mia nonna debba avere qualcosa a che fare con la Cina. Lei e’ una persona molto educata, che non solo chiede sempre come sto, ma mi chiede anche se ho mangiato. Prova dunque di una commistione culturale interessante.

E le vostre nonne? Anche loro ossessionate dal cibo, e dal timore che i loro nipoti all’estero non mangino il giusto solo perche’ non e’ possibile rifilargli chili di grana padano, prosciutto crudo, conserva fatta in casa, pasta voiello e pomodorini secchi sott’olio?

Annunci

Singlish

aprile 26, 2011 Commenti disabilitati

Chi ci prende con il legame fra il titolo del post e la foto, vince un anno di aggiornamenti gratuiti al mio blog 🙂

Singapore

aprile 23, 2011 4 commenti

Lo so che ultimamente non ho aggiornato il blog con assiduita’ ma scrivere e’ una cosa che non si puo’ forzare, anche quando si tratta di stupidagini, o della piu’ semplice quotidianita’.

Sono in viaggio in questo momento: posti nuovi, volti nuovi, caldo, odori diversi, cibo diverso e tanti altri dettagli che per circa un mese modificheranno la mia quotidianita’. Premetto che non sono in vacanza, ma che si tratta di lavoro, per tutti quelli che in mala fede staranno gia’ pensando “ma guarda un po’ che fortunello, un mese in giro per l’Asia”.

Iniziero’ dunque da Singapore, prima tappa del viaggio. Nella speranza di non demordere prima della fine, spero di riuscire ad aggiornare il blog per la gioia di mamma e babbo, e del gatto del vicino, assiduo lettore di questo blog.

Dicevamo dunque Singapore, citta’-stato dove la detenzione di droghe e’ punita con la decapitazione. E non si scherza, a partire dal formulario per l’immigrazione che si compila in aereo: aprendolo, si legge a lettere rosse in stampatello grande: la detenzione di droghe e’ punita con la decapitazione. Sul momento non ci faccio caso, ma il fatto che l’aereo su cui sto volando sia partito da Amsterdam mi fa sorridere.

Parlando di aereoporti, Changi fa sembrare Schipol un luogo scomodo per reietti; al suo interno giardini botannici, uno zoo di farfalle e lo scivolo piu’ alto del mondo.

E fuori dall’aereoporto eccoci nel sud est asiatico, in quell ultima lingua di terra che nei secoli scorsi francesi, cinesi, inglesi e giapponesi si sono contesi a lungo. Ci sono circa 25 gradi in piu’ di quanti ne avevamo a Bucarest, la gente guida dal lato opposto della strada e tutto pare cosi’ straordinariamente in ordine, con uno strano odore di detergente in ogni dove. L’aria condizionata e’ d’obbligo e i centri commerciali sono i templi di questa citta’. Per strada le persone sono estensioni bio-meccaniche di prodotti Apple, con piccoli cavi bianchi che dalle orecchie scendono lungo il collo. Vieni a Singapore e capisci che non c’e’ storia nella guerra dei tablet: ci sono tanti Apple Store quanti McDonalds (questa e’ una mia personale esagerazione, ma ogni tanto ci vuole).

Vorrei parlare anche dei grattaceli, del Marina Bay e della vista che si ha da li’ sopra (vedi foto), di Little India e dell’acqua calda da bere, ma mi hanno insegnato che i post troppo lunghi poi annoiano. Mi fermo qui dunque, prima puntata di questo viaggio in Asia: non piu’ solo Piata Unirii, ma tante altre piazze, viali e citta’. E se qualcuno ha qualche consiglio o raccomandazione su Singapore, please share!

150 anni buttati nel gabinetto

dicembre 13, 2010 7 commenti

No, ma dico alla Rai cosa gli è successo? Meno male che non ci sono più i dialetti sembrano dire le pubblicità per i centocinquanta anni dell’unità d’Italia. Come se adesso ci capissimo senza problemi, e andassimo tutti d’amore e d’accordo solo perchè si parla (quasi) la stessa lingua – anche se sono dell’idea che uno di Trieste, ma anche uno di Cuneo, con la mia nonna non è che comunicherebbero poi più di tanto.

Insomma, fatto sta che la Rai ha fatto la bellissima pensata di celebrare l’unità buttando tutto quello che è il patrimonio dei dialetti nel gabinetto. Ma senza dialetti, Aldo, Giovanni e Giacomo come avrebbero mai potuto parlare della cadrega? E chi mai avrebbe colto l’ilarità di Massimo Troisi nei suoi dialoghi con Lello Arena nei panni dell’arcangelo Gabriele? E la poesia dei versi in genovese di De Andrè, la comicità dell’allenatore nel pallone di Lino Banfi, il cuore con cui Venditti canta Roma, la pungente milanesità di Giorgio Gaber, la malafemmena di Totò cantata da Roberto Murolo o da James Senese, il pathos dei pupi siciliani. E ancora, dove andrebbe a finire il fascino della lontana Sardegna senza il suo dialetto? O cosa accadrebbe al “Mandi“, saluto friulano?

E non voglio dimenticare Gipo Farassino, Raul Casadei, i neomelodici napoletani e Leone di Lernia, perchè anche loro sono parte dei nostri dialetti, e  tutti loro almeno una volta ci avranno strappato un sorriso.

Di tutto questo, ecco cosa ne ha fatto la Rai in pochi secondi – altro che teatro dell’assurdo – piuttosto un teatrino vicino al baratro:

Vodpod videos no longer available.

Ritorno al futuro in alta definizione

novembre 15, 2010 Commenti disabilitati

A volte la mia vita a Bucarest pare una versione personale di Ritorno al Futuro, un film vissuto da protagonista e senza spettatori.

Sarà quella vecchia Dacia familiare color rosso papavero perennemente parcheggiata all’angolo sotto casa, senza più copertoni, fanali e sedili all’interno, morsa dalla ruggine e dimenticata dai cani randagi. O sarà forse per quei venti e più gradi che si sono oramai impossessati della città nel Novembre ormai più caldo della mia vita. O forse sarà perchè ci sono momenti in cui l’alta definizione tecnologica di Bucarest non mi fà affatto rimpiangere l’Italia.

Scegliete voi, io vado a cercare Martin…

VADO VIA/RESTO QUI

novembre 10, 2010 5 commenti

Perche’ forse un po’ parlavano anche a me in questo dialogo:

Fabio – Vado via perché non se ne può più

Roberto – Vado via perché non mi sento un eroe

Fabio – Vado via perché preferisco i paesi dove ci si può annoiare

Roberto – Resto qui perché non ho proprietà ad Antigua

Fabio – Resto qui perché non voglio andare a Antigua

Roberto – Vado via perché voglio dimenticare tutto quello che ho visto

Fabio – Resto qui perché voglio sentire le canzoni in italiano

Roberto – Resto qui per scoprire chi è stato

Fabio -Vado via perché mi sa che va via anche Cassano

Roberto – Vado via perché non voglio più chiedermi cosa c’è sotto

Fabio – Vado via perché questo è il paese che ha inventato il “me ne frego”

Roberto – Resto qui per vedere lo Stato conquistare il Sud

Fabio – Resto qui per vedere il tricolore conquistare il Nord

Roberto – Vado via per sentirmi normale

Fabio – Vado via perché non voglio vivere dove comandano le mafie

Roberto – Resto qui perché non voglio che le mafie continuino a comandare

Fabio – Vado via perché non sopporto le feste patronali

Roberto – Vado via perché qui si applaude ai funerali

Fabio – Resto qui perché questa sera ho ascoltato Roberto Benigni

Roberto – Resto qui perché questa sera perchè mi hanno fatto un regalo Roberto Benigni e Claudio Abbado

Fabio – Resto qui perché mi hanno fatto un regalo bellissimo Angela Finocchiaro , Nichi Vendola, Daniele Silvestri e poi perchè voglio ammazzarmi di carboidrati

Roberto – Vado via perché preferisco mangiare peggio ma vivere meglio

Fabio – Vado via perché il cinquantennale di Piazza Fontana non lo potrei sopportare

Roberto – Resto qui perché a dicembre ci sono le arance buone

Fabio – Vado via perché può bastare

Roberto – Vado via perché mi è già bastato

Fabio – Vado via perché a Milano cacciano i bambini Rom

Roberto – Vado via perché dev’essere bellissimo tornare qui da turista

Fabio – Vado via perché non voglio veder crollare altri pezzi di Pompei

Roberto – Resto qui finché Mina non torna in tivù

Fabio – Resto qui perché due figli non li sposti facilmente

Roberto – Resto qui perché sono italiano

Fabio – Vado via perché dobbiamo sgomberare il palco per il finale

Segnaletica Metropolitana a Bucarest

agosto 29, 2010 Commenti disabilitati

Girando per la metropolitana di Bucarest, mi sono soffermato a cercare di interpretare la segnaletica sparsa qui e lì. Tuttavia non sono tanto sicuro di aver sempre colto il significato, e voi che ne pensate?

Vietato entrare senza aver concluso il cubo di Rubrik. E’ possibile alzare la mano e chiedere aiuto agli uomini della sicurezza in metro

Attenzione ai lavavetri. Evitare ogni interazione con loro quando si avvicinano ai treni a lievitazione magnetica.

I minori non possono utilizzare il quadro svedese se non sono accompagnati da una persona adulta con il gomito del tennista.

Chi bestemmia sarà severamente punito.